Entrambi avevamo un’ambizione e dopo aver unito le nostre energie, insieme l’abbiamo realizzata: avere una vigna di Nebbiolo da Barolo.

Ci siamo impegnati per cercare questo vigneto e l’abbiamo trovato nel nostro Comune, con la vendemmia 2012 è iniziata la produzione. Chiamato Contadin (pronunciato in dialetto Piemontese “Cuntadin”) in onore alle nostre radici e in etichetta la figura segaligna di Simone Castella (padre di Claudia), sostegno importante nella ricerca di questo vigneto. Il Contadin è un Barolo tradizionale fermentato in acciaio con l’utilizzo di un antico metodo chiamato “a cappello sommerso”, messo in botte di rovere di Slavonia da 20 Hl per 24 mesi e affinamento in bottiglia per circa 8 mesi.
Si accompagna perfettamente ai tradizionali arrosti, ai bolliti, ai brasati, alla selvaggina e con i formaggi a pasta dura di media e lunga stagionatura.
Va servito a 18/20° C.

Uva: 100% Nebbiolo
Vigneto: di 3 ha (circa 15.000 bottiglie)
Impiantato: nel 1995 e nel 2003
Esposizione: sud-est (350 – 380 metri s.l.m.)
Colore: rosso rubino
Profumo: fruttato con sentori di lampone, fragola e ribes rosso
Sapore: morbido, fresco, delicato con lieve tannicità

Contadin Barolo del comune di Diano d’Alba DOCG - Bricco Maiolica